The Students for Humanity Review

March 29, 2019

«Quando venite ad Auschwitz ricordate che vi trovate in un luogo in cui vennero uccise oltre un milione di persone. Rispettate la loro memoria. Per imparare a fare equilibrismo ci sono posti migliori di un luogo che rappresenta la deportazione e la morte di centinaia di migliaia di persone.»

Questo messaggio è stato lanciato dall’account Twitter del museo dell’olocausto di Aushwitz, accompagnato da foto in cui si vede come sia diffusa l’abitudine tra i visitatori di farsi immortalare mentre fanno equilibrismo sulle rotaie che portano all’interno del campo di concentramento nazista. Casi del genere si sono moltiplicati parallelamente alla capillare diffusione dei social network.

Negli anni della condivisione compulsiva e della comunicazione virale, la miriade di scatti diffusi fra milion...

March 22, 2019

I met Mary Ann at Lacor Hospital’s guest house, in Uganda. She is a river in flood, I get lost when she speaks…it’s a weird mix of American, Acholi, and smiles. When I asked her how she is learning so many words in Acholi I found out that she’s spending most of her time in villages, among families and communities. Mary Ann is a researcher from the US, doing qualitative research in Gulu District about children with disabilities, their families and the barriers they are facing. 9 months of interviews at homes with parents and caregivers: that is why she is learning Acholi, just one of the many things that she is learning, spending her time visiting families with a child affected by any type of limited physical mobility, ranging from Down to blind kids. However, when she joins families at the...

March 16, 2019

Greta Thunberg, una ragazza svedese di soli sedici anni, ha ispirato il nuovo movimento degli studenti per chiedere ai governi di intervenire contro il global warming.

Potrebbe essere l’inizio di un film invece è proprio realtà (che fortuna aggiungerei!): milioni sono i giovani che ieri 15 marzo in 182 piazze di tutti i continenti hanno fatto sentire la loro voce per invitare le istituzioni ad intervenire con politiche più incisive contro il cambiamento climatico e il riscaldamento globale.

L’idea nasce in seguito ad un’estate particolarmente calda in Svezia, in cui Greta, che non è solita starsene con le mani in mano, si concede qualche giorno di pausa dalla scuola per chiedere in prima persona che qualcosa venga fatto.

E così in prossimità delle elezioni politiche, la ragazzina dalle lunghe...

March 12, 2019

È recente la polemica sul cartello esposto alla manifestazione dell’8 marzo dalla senatrice del Partito Democratico Monica Cirinnà. Il manifesto in questione recava scritto: “Dio, patria e famiglia che vita de merda” e ha suscitato critiche non solo, come era scontato, da parte dei sovranisti, ma anche dei cosiddetti “progressisti”. Il leader di “Siamo Europei” Carlo Calenda ha infatti sentito l’irrefrenabile bisogno di definire su Twitter il cartello come “talmente fesso che non vale la pena parlarne" reo di non combattere il nazionalismo “in modo intelligente” e di cadere “nei luoghi comuni opposti ugualmente superficiali”. Peccato che quel cartello, com’è stato poi spiegato dalla stessa Cirinnà, non fosse un attacco a “Dio, patria e famiglia”, ma a chi usa questi ideali per togliere lib...

March 8, 2019

In honour of March eighth, the internationally-recognized day dedicated to all women, it is important to step back and analyze as well as appreciate how far women have come in their fight for equality, respect, and empowerment.

Historically, civilizations around the world have inherently and systematically discriminated against females and simply considered them property of their husbands. In the past, women were seen as inferior to men: they were not considered citizens, had no right to be educated, vote, or be part of office, and even had minimal rights in marriage and parenthood. It was only in the late 18th century that female equality was begun to be talked about. With the age of Enlightenment came the realization that women are humans as well, and deserve, therefore, respect and ethic...

March 5, 2019

“Ciao a tutti, belli e brutti!” Leone sia in campo che fuori, quando George Weah decide di prendersi il palcoscenico non ce n’è per nessuno, poco importa che la competizione sia su un campo da calcio o in piena campagna elettorale per portare un periodo di pace e prosperità alla sua nativa Liberia.
Nato nel 1966 a Clara Town, baraccopoli sita nella zona più povera di Monrovia, George Weah è uno di quei ragazzi che sono fuggiti dalla miseria tirando calci ad un pallone con il sorriso sulle labbra, nonostante le asperità della vita quotidiana. La sua carriera calcistica inizia con l’Invincible Eleven, modesta squadra di Monrovia con la quale milita dopo aver finito il turno di lavoro come centralinista, e nel 1988 la fortuna decide di sorridergli quando viene acquistato dal Monaco e può così...

March 1, 2019

A lot has been said recently about the treatment of migrants on the Mexican border, with the separation of migrant children from their parents raising concerns. However, a seemingly more pressing issue arose a few days ago: Donald Trump’s National Emergency Declaration. But just yesterday, the 26th of February, the House voted to overturn President Trump’s declaration.

This declaration, which would free up money to build more physical barriers along the U.S-Mexico border, was overturned. However, it is now becoming progressively harder for opponents of Trump’s emergency. In fact, the resolution will go to the Senate, where it needs only a simple majority to pass. If the resolution passes the Senate, Trump will presumably veto it, in which case a two-thirds majority would be needed in each c...

Please reload

Post in evidenza

Working for Wasa: what you already know, what you have always wondered and what you might not expect about Students for Humanity’s project

November 8, 2019

1/10
Please reload

Post recenti

April 18, 2020

April 10, 2020

April 3, 2020

March 31, 2020

March 10, 2020

February 25, 2020

February 19, 2020

Please reload

Copyright © 2017 Students for Humanity

Desk Volontariato - Sportello Unico, Piazza Sraffa 13 Milano

as.studentsforhumanity@unibocconi.it