La parte oscura dei Social Media: la diffusione di odio online e il “bomberismo”

December 19, 2017

Al giorno d’oggi i Social Media hanno un grande potere informativo e relazionale ma, allo stesso tempo, potrebbero rappresentare una fonte di pressioni, molestie e ricatti, soprattutto nei confronti delle nuove generazioni.

 

Con riferimento a ciò, sicuramente il fenomeno di cui si è più sentito parlare negli ultimi anni è il cyberbullismo, che consiste in azioni aggressive e intenzionali, eseguite persistentemente attraverso strumenti elettronici (come sms, foto, siti web, chiamate telefoniche), da una persona singola o da un gruppo, allo scopo di danneggiare un coetaneo che non può facilmente difendersi.

Nonostante ciò, oggi il cyberbullismo non rappresenta più una minaccia soprattutto grazie all’entrata in vigore di diversi meccanismi e regolamentazioni che ci rendono in grado di gestirlo. Recentemente, meno di un anno fa, esso è stato ufficialmente riconosciuto come reato con l’entrata in vigore della “Legge 29 maggio 2017, n.71”, a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno.

 

 

Ciò che preoccupa maggiormente sono invece nuovi fenomeni di cui si parla ancora poco e che non sono né regolati né conosciuti abbastanza bene: tra questi, particolare rilevanza è assunta oggi dal cosiddetto “bomberismo”.

Ma cos’è il bomberismo? L’enciclopedia Treccani definisce il fenomeno come un “atteggiamento sessista e xenofobo, basato su una visione semplificata, acritica e rozza della realtà, che prende a modello i comportamenti di alcuni noti personaggi del mondo dello sport e trova sfogo nei siti di relazione sociale in Rete”.

La definizione di “bomberismo” in realtà non esiste in modo ufficiale, ma serve a etichettare e sensibilizzare riguardo a un fenomeno che continua a crescere in modo spropositato sul web e in particolar modo sui Social Media, come Instagram o Facebook.

Mascherato dalla presunta ironia machisto-calcistica, il fenomeno presenta dinamiche di insulto e diffamazione contro donne, rom, omosessuali e stranieri, promuovendo così una vera e propria operazione di diffusione di odio attraverso il canale dei Social Network.

 

Il funzionamento solitamente è il seguente: partendo da una segnalazione di un singolo utente, viene scelta una vittima che sarà bersaglio di messaggi di offese, ingiurie e minacce online. Ciò innescherà un meccanismo in cui sconosciuti attaccheranno e aggrediranno gratuitamente altri sconosciuti, alimentando così una sorta di controllo e di violenza sulla vita della persona vittima, la quale sarà inondata di insulti e commenti pesanti.

Il meccanismo solitamente tende ad autoalimentarsi, dal momento che evidenze confermano che la maggior parte delle vittime è solitamente propenso a diventare poi carnefice.

 

 

Il cosiddetto “bomberismo” rappresenta una minaccia molto più pericolosa rispetto a dinamiche già conosciute come il cyberbullismo, soprattutto perché tende a colpire direttamente interi gruppi di persone, modificando la loro sensibilità riguardo temi sociali e esaltando comportamenti sessisti e xenobofi.

 

 

 

Angela Gambuti

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

Working for Wasa: what you already know, what you have always wondered and what you might not expect about Students for Humanity’s project

November 8, 2019

1/10
Please reload

Post recenti

April 18, 2020

April 10, 2020

April 3, 2020

March 31, 2020

March 10, 2020

February 25, 2020

February 19, 2020

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag